Il sogno

Adesso tocca a noi!

di Rocco Cattaneo 

1 aprile 2016 

I sondaggi possono essere traditori, fuorvianti e per certi versi pericolosi, soprattutto per chi comanda provvisoriamente la classifica. Anche quello realizzato da un professionista serio come Pietro Pisani su Lugano va dunque preso con le pinze.

L’ultima proiezione, a pochi giorni dal 10 aprile, indica che il nostro Partito è ulteriormente cresciuto e sorpasserebbe la Lega, riconquistando il terzo seggio e la maggioranza relativa in Municipio. Sarebbe un sogno se accadesse. 

La Lega il suo sogno l’ha realizzato a Lugano nel 2013. Ora tocca a noi cercare di farlo. Ma ce la faremo soltanto grazie a una mobilitazione generale di tutti coloro che credono nel PLR e che lo apprezzano per quel che ha dimostrato di saper fare. Di tutti coloro che hanno ritrovato un Partito in cui riporre una delle cose più preziose in politica: la fiducia.

Mi rivolgo dunque agli amici, ai candidati, ai simpatizzanti e, soprattutto, agli indecisi, ai delusi come pure ai molti che negli ultimi anni si sono ricreduti, riavvicinandosi al nostro Partito. A loro dico: crediamoci!

Siamo un Partito che è di tutti, che vive di confronto e di dibattito interno, ma che oggi sa discutere senza più dividersi. Segno di una nuova maturità, raggiunta soprattutto grazie allo straordinario entusiasmo dei giovani, alla politica di rinnovamento che tutti insieme abbiamo voluto e portato avanti, e al grande e serio lavoro che chi rappresenta il PLR nelle diverse realtà istituzionali (Municipi, Consigli comunali, Governo, Parlamento, Camere federali) ha saputo produrre.

Lugano è importante. Ma il 10 aprile ogni Comune sarà altrettanto importante, piccolo o grande che sia. Confermare le posizioni attuali dev’essere l’obiettivo minimo, anche se in alcuni casi sappiamo che sarà difficile. La voglia di crescere dev’essere la molla che ci spinge a giocare per vincere, con tutto il cuore e la forza d’animo di cui disponiamo, questa partita fondamentale per il futuro nostro e dell’intero Ticino. Ogni voto è un centimetro e la nostra squadra deve lottare con le unghie per ogni centimetro!